< Incontri

Scopriamo che una persona con cui siamo stati in contatto di recente è positiva: che fare?

Testo aggiornato al 2020-07-30


Valutate la probabilità di essere infetti e per 14 giorni fare attenzione a non contagiare gli altri, soprattutto le persone anziane e vulnerabili. Seguite le raccomandazioni ufficiali del paese in cui vi trovate.

Avete incontrato qualcuno che dopo qualche giorno scoprite essere malato di COVID-19 o positivo al test per il coronavirus SARS-CoV-2: è possibile che siate stati esposti al virus. Fortunatamente, non è troppo facile esssere contagiati: in media, nel corso di tutta la malattia e senza prendere precauzioni, una persona malata contagia solo altre tre persone. È quindi possibile che non siate stati contagiati.

Ecco i nostri consigli per ridurre al minimo il rischio di propagazione:

1- Valutate l'interazione avuta con questa persona: Vi siete visti da lontano o avete parlato da vicino? Eravate all'aperto o in un ambiente chiuso, piccolo, non ventilato? Avete mantenuto più di un metro di distanza, o vi siete toccati o scambiati oggetti? Indossavate una mascherina? Questa persona ha urlato o cantato vicino a te? Avete trascorso insieme pochi minuti o diverse ore? Rispondere a queste domande vi darà un'idea del rischio di essere infetti. Come si prende il COVID-19? e Cos'è il contatto ravvicinato? vi aiuteranno a valutare la possibilità di essere stati contagiati. Se questa è alta (contatti ravvicinati e prolungati), è meglio mettersi in isolamento per 14 giorni, come se si fosse malati. Se la possibilità di essere infetti è più bassa, ecco alcuni consigli, da adattare alla vostra situazione individuale.

2- Scrivete in agenda il giorno del "contatto" e osservate il vostro stato di salute a seconda dei giorni che passano. In media, i sintomi del COVID-19 si verificano 4 o 5 giorni dopo il contagio (ovvero il contatto). Quindi se dopo 5 o 6 giorni non si presentano sintomi, si può tirare un sospiro di sollievo. Tuttavia, c'è grande variazione tra gli individui: è possibile che la malattia cominci in qualsiasi momento durante i 14 giorni successsivi al contagio. Inoltre, alcune persone (gli asintomatici) non presentano sintomi, ma hanno comunque una carica virale tale da contagiare altre persone in questi 14 giorni. Per questo è importante aspettare 14 giorni per essere relativamente sicuri di non essere contagiosi.

3- Durante questi 14 giorni, state attenti ai contatto con altre persone, poiché potreste essere contagiosi. Attenzione: anche senza sintomi si possono infettare gli altri! In generale, le persone infette diventano contagiose due o tre giorni prima dell'insorgenza dei sintomi della malattia, con un picco di "contagiosità" tra i 2 giorni precedenti e il giorno successivo ai primi sintomi.

Infine, seguite le raccomandazioni ufficiali del paese in cui vi trovate e, se consigliato, fate un test.

Raccomandazioni ufficiali : in Francia nel Regno Unito


facebook twitter linkedin

Fonti

Confronto tra studi sul SARS-CoV-2 pubblicati prima delle misure di contenimento. Hanno stimato il numero di individui contaminati in media da una sola persona a 3,28.

Liu, Y., Gayle, A. A., Wilder-Smith, A., & Rocklöv, J. (2020). The reproductive number of COVID-19 is higher compared to SARS coronavirus. Journal of travel medicine.

Questo articolo, basato su 100 pazienti COVID-19 e 2761 persone entrate in stretto contatto con loro, mostra che il rischio di trasmettere il virus è più alto nei 5 giorni successivi all'insorgenza dei sintomi e nei giorni precedenti l'insorgenza dei sintomi.

Cheng, H. Y., Jian, S. W., Liu, D. P., Ng, T. C., Huang, W. T., & Lin, H. H. (2020). Contact tracing assessment of COVID-19 transmission dynamics in Taiwan and risk at different exposure periods before and after symptom onset. JAMA Internal Medicine.

Questo articolo confronta l'intervallo tra l'insorgenza dei sintomi in 77 coppie di persone, una contagiata dall'altra (questo tempo è detto intervallo seriale, qui stimato in 5-6 giorni), con il tempo medio di incubazione della malattia. Gli autori deducono che gli individui portatori del virus della SARS-CoV-2 sono contagiosi già da 2 o 3 giorni prima dell'insorgenza dei primi sintomi e che il picco di contagiosità è compreso tra 2 giorni prima e 1 giorno dopo l'insorgenza dei sintomi.

He, X., Lau, E. H., Wu, P., Deng, X., Wang, J., Hao, X., ... & Mo, X. (2020). Temporal dynamics in viral shedding and transmissibility of COVID-19. Nature medicine, 1-4.

Sulla base dell'osservazione di 181 casi in Cina, si conclude che nel 90% dei casi l'insorgenza di sintomi del COVID-19 si verifica entro 10 giorni dall'infezione.

Lauer, S. A., Grantz, K. H., Bi, Q., Jones, F. K., Zheng, Q., Meredith, H. R., ... & Lessler, J. (2020). The incubation period of coronavirus disease 2019 (COVID-19) from publicly reported confirmed cases: estimation and application. Annals of internal medicine, 172(9), 577-582.

Il periodo contagioso inizia 2,3 giorni prima dell'insorgenza dei sintomi, i quali iniziano in media 5 giorni dopo l'infezione. Ciò implica un periodo di latenza di 2,7 giorni.

He, X., Lau, E. H., Wu, P., Deng, X., Wang, J., Hao, X., ... & Mo, X. (2020). Temporal dynamics in viral shedding and transmissibility of COVID-19. Nature medicine, 26(5), 672-675.

Lo studio delle prime 830 persone con COVID-19 in Cina indica che i pazienti cominciano l'isolamento in media 2,9 giorni dopo l'insorgenza dei primi sintomi. Anche se i pazienti rimangono contagiosi una volta isolati, non infettano più nessuno se l'isolamento viene mantenuto correttamente. In questo caso, la fase di contagio ha una media di 4,9 giorni: 2 giorni di contagiosità pre-sintomatica, poi 2,9 giorni di contagiosità dopo l'insorgenza dei sintomi fino all'isolamento.

Liu, T., Hu, J., Kang, M., Lin, L., Zhong, H., Xiao, J., ... & Deng, A. (2020). Transmission dynamics of 2019 novel coronavirus (2019-nCoV).

Studio su 391 persone con COVID-19 e sui loro 1286 contatti ravvicinati a Shenzhen, in Cina, nel periodo gennaio-febbraio 2020. È stato osservato che i pazienti cominciano l'isolamento in media 4,6 giorni dopo l'insorgenza dei primi sintomi. Questo comporta un periodo di 6,6 giorni in cui potenzialemente hanno contagiato altre persone, se si aggiungono i 2 giorni (in media) di contagiosità pre-sintomatica.

Bi, Q., Wu, Y., Mei, S., Ye, C., Zou, X., Zhang, Z., ... & Gao, W. (2020). Epidemiology and transmission of COVID-19 in 391 cases and 1286 of their close contacts in Shenzhen, China: a retrospective cohort study. The Lancet Infectious Diseases.

Per saperne di più

Come si prende il COVID-19?

Cos'è il contatto ravvicinato?

Che cosa si intende per super-propagazione del COVID-19?

Una persona che non ha sintomi può essere contagiosa?

Per quanto tempo una persona resta contagiosa?

Quali sono i sintomi del COVID-19?

Chi sono le persone vulnerabili?

Come ci si comporta se si vive con una persona vulnerabile?