< Test

Quanti giorni dopo il contatto devo aspettare un test COVID?

Testo aggiornato al 2020-09-22


Se siete malati, è meglio fare il test non appena si hanno i sintomi di COVID-19. Se non si è malati, l'ideale è aspettare 6-7 giorni dopo il contatto infettivo per effettuare il test.

Se ho sintomi: febbre (oltre 38°), difficoltà respiratorie, dolori muscolari inspiegabili, mal di testa inusuali, perdita del gusto, perdita dell'olfatto, fatica inspiegabile, diarrea (più di 3 feci in 24 ore) o vomito (più di 2 vomiti in 24 ore). Mi metto in quarantena (nessun contatto con gli altri). Mi sottopongo al test il prima possibile e, in attesa dei risultati, rimango in quarantena. Nella maggior parte dei casi, i sintomi scompaiono nel giro di pochi giorni. Il periodo contagioso inizia due o tre giorni prima della comparsa dei sintomi e dura 7-8 giorni dopo la comparsa dei sintomi. In seguito, il coronavirus SARS-CoV-2 rimane rilevabile in piccole quantità nella saliva e nelle cavità nasali di alcuni pazienti fino a diverse settimane dopo l'insorgenza della malattia. Ma sembra che da 8 giorni dopo l'insorgenza dei sintomi, le particelle virali dei pazienti non siano più in grado di infettare le cellule in coltura, suggerendo che il virus non è più contaminante.

Se non ho sintomi, ma sono un "caso di contatto". Una persona con cui sono stato in contatto ha appena scoperto che è positiva alla SARS-CoV-2. Quindi sono un "caso di contatto". Mi metto in quarantena se ho avuto un contatto prolungato con la persona positiva. Vedi la domanda Cos'è il contatto ravvicinato?

Se non ho sintomi, aspetto da 5 a 7 giorni (il tempo medio di incubazione per la SARS-CoV-2) dopo l'ultimo contatto con la persona positiva alla SARS-CoV-2 per sottopormi al test. Se il risultato è positivo, rimango altri 7 giorni dopo il giorno del test in quarantena. Se il risultato è negativo, la quarantena termina. Se non posso fare il test, anche se non ho sintomi, potrei avere una forma asintomatica di COVID-19. Così resto in quarantena per 14 giorni (7 giorni dopo l'ultimo contatto con la persona positiva alla SARS-CoV-2 + 7 giorni per non essere più contagiosa).

Perché aspettare di fare il test se non si hanno sintomi? Il coronavirus, una volta trasmesso a una nuova persona, non sarà immediatamente rilevabile in quella nuova persona. Pertanto, è necessario attendere un certo tempo prima di effettuare un test PCR per poter rilevare l'eventuale presenza del virus. Il tempo di incubazione (tra il momento del contatto e la comparsa dei primi sintomi) varia da 1 a 14 giorni a seconda dell'individuo, con una media di 5,1 giorni. Tuttavia, il momento in cui il virus inizia ad essere rilevato è relativamente stabile tra gli individui e corrisponde a circa 1-2 giorni prima dell'insorgenza dei sintomi.


facebook twitter linkedin

Fonti

Questo articolo confronta l'intervallo tra l'insorgenza dei sintomi in 77 coppie di persone, una contagiata dall'altra (questo tempo è detto intervallo seriale, qui stimato in 5-6 giorni), con il tempo medio di incubazione della malattia. Gli autori deducono che gli individui portatori del virus della SARS-CoV-2 sono contagiosi già da 2 o 3 giorni prima dell'insorgenza dei primi sintomi e che il picco di contagiosità è compreso tra 2 giorni prima e 1 giorno dopo l'insorgenza dei sintomi.

He, X., Lau, E. H., Wu, P., Deng, X., Wang, J., Hao, X., ... & Mo, X. (2020). Temporal dynamics in viral shedding and transmissibility of COVID-19. Nature medicine, 1-4.

Un articolo che studia in dettaglio le dinamiche di replicazione del virus SARS-CoV-2 in diversi tessuti dei pazienti infetti. Tra le altre cose, mette in discussione il rapporto tra la presenza del virus in questi tessuto e la sua infettività, misurata come capacità di infettare le cellule in coltura. Secondo gli autori, mentre i campioni di sputo e del tampone nasofaringeo prelevati durante la prima settimana di sintomi sono altamente infettivi, quelli raccolti almeno 8 giorni dopo l'insorgenza dei sintomi sono privi di qualsiasi proprietà infettiva. Analogamente, i campioni fecali o di urina, sebbene contengano particelle virali, non sono in grado di infettare le cellule in coltura, indipendentemente dal momento in cui vengono raccolti.

Wölfel, R., Corman, V. M., Guggemos, W., Seilmaier, M., Zange, S., Müller, M. A., ... & Hoelscher, M. (2020). Virological assessment of hospitalized patients with COVID-2019. Nature, 1-5.

Sulla base di 181 casi in Cina, si osserva che nel 90% dei casi l'insorgenza dei sintomi si verifica nei 10 giorni che seguono l'infezione. Dopo l'insorgenza dei sintomi, i pazienti possono in teoria isolarsi per evitare di contagiare gli altri.

Lauer, S. A., Grantz, K. H., Bi, Q., Jones, F. K., Zheng, Q., Meredith, H. R., ... & Lessler, J. (2020). The incubation period of coronavirus disease 2019 (COVID-19) from publicly reported confirmed cases: estimation and application. Annals of internal medicine, 172(9), 577-582.

Questo articolo, basato su 100 pazienti COVID-19 e 2761 persone entrate in stretto contatto con loro, mostra che il rischio di trasmettere il virus è più alto nei 5 giorni successivi all'insorgenza dei sintomi e nei giorni precedenti l'insorgenza dei sintomi.

Cheng, H. Y., Jian, S. W., Liu, D. P., Ng, T. C., Huang, W. T., & Lin, H. H. (2020). Contact tracing assessment of COVID-19 transmission dynamics in Taiwan and risk at different exposure periods before and after symptom onset. JAMA Internal Medicine.

Una meta-analisi di 5 studi stima che il tempo medio di incubazione sia di 5,1 giorni.

He, W., Yi, G. Y., & Zhu, Y. (2020). Estimation of the basic reproduction number, average incubation time, asymptomatic infection rate, and case fatality rate for COVID‐19: Meta‐analysis and sensitivity analysis. Journal of Medical Virology.

Tre persone sono state infettate lo stesso giorno in cui sono andate in un centro di nuoto acquatico. I primi sintomi sono comparsi 6 giorni dopo aver nuotato in una persona e 9 giorni dopo negli altri due.

Luo, C., Yao, L., Zhang, L., Yao, M., Chen, X., Wang, Q., & Shen, H. (2020). Possibile trasmissione della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) in un centro termale pubblico a Huai'an, provincia di Jiangsu, Cina. Rete JAMA aperta, 3(3), e204583-e204583.

Raccomandazioni ufficiali per i casi di contatto in Francia.

https://solidarites-sante.gouv.fr/IMG/pdf/fiche_personne_contact.pdf

Raccomandazioni ufficiali per i casi di contatto nel Regno Unito.

https://www.nhs.uk/conditions/coronavirus-covid-19/testing-and-tracing/nhs-test and-trace-if-youve-been-in-contact-with-a-person-who-has-coronavirus/

Per saperne di più

Quali sono i sintomi del COVID-19?

Per quanto tempo una persona resta contagiosa?

Scopriamo che una persona con cui siamo stati in contatto di recente è positiva: che fare?

La trasmissione del coronavirus SARS-CoV-2 può essere fermata senza un lockdown totale mediante mini-cicli di isolamento?

Cos'è il contatto ravvicinato?

Qual è il test per scoprire se sono infetto da CoV-2-SARS?

Cosa prelevare per testare la presenza del coronavirus: tampone nasofaringeo o prelievo orale?

Possiamo prendere il VIDOC due volte?

Quali sono i punti chiave per comprendere le dinamiche dell'epidemia di COVID?

Perché gli assembramenti sono sconsigliati durante l'epidemia di COVID-19?