< Vaccini

Perché delle persone anziane sono morte dopo essere state vaccinate?

Testo aggiornato il 2021-05-03


Le vaccinazioni contro il COVID-19 sono iniziate qualche mese fa. Gli eventi gravi (reazione allergica, morte) che seguono la vaccinazione sono esaminati con estrema attenzione per determinare se sono dovuti al vaccino o meno. La morte di persone anziane dopo la vaccinazione è stata ampiamente riportata dai media. Ma come stanno le cose per davvero? L'analisi dei dati è molto rassicurante e suggerisce che il vaccino non è la causa della morte di questi anziani.

Diversi paesi hanno segnalato la morte di persone che erano state vaccinate, come Norvegia, Danimarca, Finlandia... In Francia, al 21 gennaio 2021, sono stati descritti 9 casi di morte. Si tratta di persone con più 75 anni che risiedevano in case di riposo, tutte con malattie croniche e che erano sottoposte a trattamenti pesanti. Ci si può chiedere se ci sia un legame causale tra questo evento grave e la vaccinazione. Per scoprirlo, bisogna confrontare la proporzione di morti tra le persone vaccinate con la proporzione di morti tra le persone non vaccinate nella stessa fascia di età. A fine gennaio 2020, in Francia, il numero totale di persone vaccinate con più di 75 anni è 11.533 con due dosi e 861.925 con una dose (secondo covidtracker, vedi domanda Quante persone sono già state vaccinate contro il COVID-19?), per un totale di 873.458 persone. Tra coloro che hanno più di 75 anni, ci sono circa 35.000 morti al mese. Sapendo che ci sono circa 6.250.000 persone oltre i 75 anni in Francia, questo significa che lo 0,56% delle persone oltre i 75 anni muore ogni mese in Francia. Questa cifra è molto più bassa della percentuale di persone over75 vaccinate contro il COVID-19 che sono morte al 21 gennaio 2021 (9/873.458 = 0,001%). È quindi molto probabile che su un periodo di un mese la morte di 9 persone dopo la vaccinazione sia un effetto del caso e non del vaccino!

Poiché le cattive notizie, le fake news e i fatti sensazionalizzati circolano molto velocemente, la loro proliferazione nei media e su Internet crea una "lente di ingrandimento" su questo tipo informazioni. Gli esseri umani mostrano una certa attrazione per i "fatti scandalosi", l'impatto emotivo ha la precedenza sullì'atteggiamento razionale. In questo periodo propizio per la circolazione di informazioni sensazionali, cerchiamo di fare attenzione ad avere abbastanza informazioni per poter analizzare bene la situazione!


facebook twitter linkedin

Fonti

Dati sulla mortalità in Francia.

Istituto nazionale per gli studi demografici - Dati sulla mortalità.

Aggiornamento sulla sorveglianza del COVID-19 in Francia. Al 21 gennaio 2020, sono stati segnalati 9 casi di morte. Erano persone anziane che vivevano nell'EHPAD o in case di riposo, che presentavano tutte malattie croniche e cure pesanti.

22/01/2021. Agenzia nazionale per la sicurezza dei farmaci (NMSA)

Una delle ragioni che possono spiegare la diffidenza verso la vaccinazione è la disinformazione e la diffusione diffusa e molto rapida delle fake news.

Vosoughi, S., Roy, D., & Aral, S. (2018). La diffusione di notizie vere e false online. Scienza, 359(6380), 1146-1151.

Per saperne di più

Vaccini COVID-19: sono stati sviluppati troppo in fretta?

Chi decide se un vaccino può essere messo sul mercato e come deve essere somministrato?

Come si fa a sapere se un vaccino è sicuro e protegge dal COVID-19?

Come gestire una discussione tra favorevoli e contrari ai vaccini?