< Vaccini

Come gestire una discussione tra favorevoli e contrari ai vaccini?

Testo aggiornato il 2021-05-03


La prima cosa da fare è ascoltare l'altro! Se hai letto le domande/risposte di Adios Corona, probabilmente hai molti argomenti con cui contribuire. Per cambiare il punto di vista di una persona sui vaccini, è sempre più efficace guidarla ad affrontare i suoi dubbi, le sue contraddizioni e i suoi bias cognitivi, piuttosto che mettersi su un piedistallo e contraddirla con forza.

Diverse ragioni possono spiegare la sfiducia verso la vaccinazione: un basso livello di fiducia nelle autorità sanitarie o politiche, la disinformazione e la diffusione massiccia di "fake news", un interesse umano per i fatti scandalosi, il bias cognitivo di conferma che ci rende più inclini a ricordare ciò che conferma le nostre idee e meno a prestare attenzione a ciò che ne devia (vedi domanda Come siamo influenzati dai nostri bias cognitivi durante l'epidemia di COVID-19?).

Per molto tempo, i professionisti in ambiente sanitario hanno risposto ai dubbi dei pazienti sui vaccini con dati scientifici, ricordando l'efficacia dei vaccini, la loro buona tollerabilità e innocuità. Nonostante le buone intenzioni di questo approccio, diversi studi riportano che la maggior parte di queste risposte basate sull'evidenza non sono molto efficaci e possono persino indurre un effetto "controproducente" (il backfire effect). Questo fenomeno apparentemente paradossale, ben noto agli studiosi di scienze cognitive, consiste nel rinforzare le convinzioni profonde del paziente di fronte a spiegazioni fattuali che le contraddicono. Quando il medico fornisce al paziente delle informazioni, il paziente preferisce comunque mantenere le proprie convinzioni piuttosto che metterle in discussione. Questo diminuisce la fiducia del paziente e può portarlo ad interpretare l'insistenza o l'irritazione del medico come un chiaro segno del meccanismo nascosto di un complotto.

La modalità per parlare ad una persona del valore della vaccinazione consiste nel guidarla alla consapevolezza delle divergenze, piuttosto che nel contraddirla. Questo permetterà all'altro di esplorare le contraddizioni che esistono e gli darà il potere di prendere decisioni riguardanti la propria salute. Questo richiede tempo. Far sentire l'altro in colpa evocando fatti e immagini drammatici o idee di altruismo sarà controproducente. L'obiettivo è che entri in conflitto con le proprie idee, non con te! Il dubbio può innescare un processo di cambiamento di opinione, a condizione che non ci si senta spinti in una direzione specifica.

Ecco alcuni consigli per parlare con qualcuno che dubita del valore della vaccinazione:

  1. Prendetevi il tempo di ascoltare questa persona, il suo punto di vista, le sue conoscenze, le sue paure... perché è a tutto ciò che risponderete. Se prestate molta attenzione al loro punto di vista, sarà più facile per voi trovare gli argomenti giusti per aiutarli a cambiare opinione.
  2. Non giudicate dall'alto, ma mettetevi in una situazione di parità. È importante che tutti possano mettere in discussione il loro punto di vista di fronte a nuovi dati e nuovi argomenti. La discussione dovrebbe essere il più simmetrica possibile, in modo che ci sia la possibilità che l'uno o l'altro cambi la propria opinione in seguito allo scambio.
  3. Informate l'altro fornendo informazioni supplementari in modo neutrale, evitando di argomentare: controbattere in modo frontale rischia di spingere il vostro interlocutore ad un atteggiamento difensivo e quindi a rafforzare la sua resistenza. La trasmissione neutrale delle informazioni evita di metterci in opposizione. Tutte le paure sono legittime e non bisogna giudicare l'altro perché esprime le proprie paure. Si dovrebbero fornire informazioni sugli effetti collaterali dei vaccini, per esempio, senza cercare di nasconderli (vedi domanda I vaccini possono causare effetti collaterali? ).
  4. Ascoltate il vostro interlocutore e cosa ricava dalle informazioni che ha sentito da voi. Deve sentirsi libero e valorizzato nelle sue capacità e nella sua autonomia decisionale.
  5. Lasciate all'altro il tempo per riflettere, perché il cambiamento può richiedere tempo.

facebook twitter linkedin

Fonti

Una versione più completa di questa domanda/risposta è disponibile qui:

Diana, A., Braillard, O. T. L., Eckert, N., & Sommer, J. M. (2020). Come possiamo rispondere all'esitazione dei nostri pazienti a vaccinare? Primary and Hospital Care: General Internal Medicine, 20(12), 383-387.

Il colloquio motivazionale, uno strumento per parlare con coloro che esitano sulla vaccinazione.

Winner, A., Gosselin, V., & Dubé, È. (2018). Intervista motivazionale: Uno strumento promettente per affrontare l'esitazione del vaccino. Vaccino, 36(44), 6553-6555.

Una delle ragioni che possono spiegare la diffidenza verso la vaccinazione è la disinformazione e la diffusione diffusa e molto rapida delle fake news.

Vosoughi, S., Roy, D., & Aral, S. (2018). La diffusione di notizie vere e false online. Scienza, 359(6380), 1146-1151.

Metodi che non funzionano quando si parla con i genitori per convincerli a far vaccinare il loro bambino.

Henrikson, N. B., Opel, D. J., Grothaus, L., Nelson, J., Scrol, A., Dunn, J., ... & Grossman, D. C. (2015). Formazione della comunicazione del medico e l'esitazione del vaccino dei genitori: uno studio randomizzato. Pediatria, 136(1), 70-79.

Articolo che cerca di capire meglio perché alcuni metodi per spiegare la vaccinazione ai genitori non funzionano e addirittura producono l'effetto "ritorno di fiamma" opposto.

Thornock, B. (2017). Segnalando i paria: ciò che le narrazioni dei genitori esitanti con i vaccini possono insegnarci sull'effetto di ritorno di fiamma e sulle relazioni medico-paziente. Ann Public Health reports, 1(1), 15-21.

Questo articolo studia l'effetto "contraccolpo" dopo aver letto messaggi di giornalisti che correggono informazioni false. Questo modo di correggere le informazioni è spesso controproducente e può anche aumentare il rischio che le persone memorizzino informazioni false come vere.

Peter C, Koch T. When Debunking Scientific Myths Fails (and When It Does Not): L'effetto di ritorno di fiamma nel contesto della copertura giornalistica e dei giudizi immediati come strategia di prevenzione. Comunicazione scientifica 2016;38(1):3-25.

Consigli per affrontare l'esitazione sulla vaccinazione.

Shen, S. C., & Dubey, V. (2019). Rispondere all'esitazione sulla vaccinazione: consigli clinici per i medici di prima linea che lavorano con i genitori. Canadian Family Physician, 65(3), e91.

Uno dei motivi del rifiuto della vaccinazione è la mancanza di fiducia nelle informazioni che vengono trasmesse al pubblico. In questo studio, a tre gruppi sono state presentate o (1) informazioni generali sui vaccini, o (2) informazioni generali sui vaccini + un riassunto degli eventi avversi, o (3) informazioni generali sui vaccini + un rapporto dettagliato sugli eventi avversi. Il gruppo 2 mostra una maggiore accettazione del vaccino e un aumento della fiducia nelle autorità sanitarie rispetto al gruppo 1. D'altra parte, nel gruppo 3, c'è stata una diminuzione dell'accettazione del vaccino e una diminuzione della fiducia nelle autorità sanitarie.

Scherer LD, Shaffer VA, Patel N, Zikmund-Fisher BJ. Il sistema di segnalazione degli eventi avversi dei vaccini può essere usato per aumentare l'accettazione e la fiducia nei vaccini? Vaccine 2016;34(21):2424-9.

Studio condotto in Gran Bretagna che dimostra che gli individui che sono riluttanti o refrattari alla vaccinazione si informano sulla COVID-19 significativamente di più attraverso le reti sociali che attraverso i giornali, la televisione, la radio e le agenzie governative. Inoltre, gli individui refrattari ai vaccini hanno un livello significativamente più basso di fiducia nelle informazioni diffuse attraverso i giornali, i programmi televisivi e radiofonici, i loro medici, gli operatori sanitari e le agenzie governative rispetto a quelli che accettano la vaccinazione.

Murphy, J., Vallières, F., Bentall, R. P., Shevlin, M., McBride, O., Hartman, T. K., ... & Hyland, P. (2021). Caratteristiche psicologiche associate a COVID-19 esitazione e resistenza al vaccino in Irlanda e nel Regno Unito. Nature communications, 12(1), 1-15.

Per saperne di più

Quali sono i diversi tipi di vaccino contro il COVID-19?

Posso essere vaccinato, dove e quando?

I vaccini a RNA sono un miracolo della scienza?

I vaccini possono causare effetti collaterali?