< Test

Fare o non fare un test per le feste?

Testo aggiornato al 2020-12-21


Sì, se avete avuto interazioni ad alto rischio nelle ultime 2 settimane e se ci sono test disponibili nella vostra zona. Se il risultato è negativo, prestate comunque attenzione perché si può diventre contagiosi 24 ore dopo un test negativo ed esistono falsi negativi.

Durante il periodo invernale, per limitare la diffusione dell'epidemia sono stati scoraggiati gli incontri su larga scala di familiari o amici durante il Capodanno cinese in Cina, il Ringraziamento negli Stati Uniti o le vacanze di Natale del 2020. Il coronavirus si diffonde in modo molto efficace durante gli incontri e i pasti al coperto, in cui si hanno contatti prolungati senza mascherine, a distanze notevolmente ridotte. Vedere anche la domanda Cos'è il contatto ravvicinato? È quindi fondamentale che tutti cerchino di ridurre al minimo la trasmissione del coronavirus durante le vacanze. In molti paesi è consigliato fare un test prima di riunirsi. Un test per il COVID-19 prima delle feste è utile?

Se non avete avuto alcun contatto a rischio di trasmissione nei 14 giorni precedenti (nessuna interazione senza mascherina, non avete bambini...), probabilmente non avete bisogno del test. Il nostro questionario permette di stimare il vostro rischio di contagio nelle ultime 2 settimane..

Se avete avuto uno o più contatti con rischio di trasmissione durante i 14 giorni precedenti, potete decidere di sottoporvi ad un test se nel vostro paese sono disponibili dei test a questo scopo. 

Se il test è negativo, non abbassate la guardia! Un risultato negativo non garantisce al 100% che non siate infetti dal coronavirus né che non siate contagiosi. Considerate che:

  1. Esistono i falsi negativi, cioè individui che risultano negativi ma sono invece infetti. Il tasso di falsi negativi varia in base al test. In Francia, la Haute Autorité de la Santé ha autorizzato test con meno del 20% di falsi negativi. Ciò significa che per 2 test negativi su 10 la persona è infetta, e probabilmente contagiosa, anche se il test è negativo.
  2. Si può diventare contagiosi 24 ore dopo un prelevamento risultato negativo. Un risultato negativo significa che non trasmetterete il virus nelle 24 ore che seguono il tampone. Tuttavia, è anche possibile diventare positivi il giorno dopo un test negativo. Emblematico è il caso di una tredicenne, il cui test antigenico ha dato un risultato negativo. Il giorno dopo aveva il naso chiuso, ma decise comunque di partecipare ad una riunione familiare su più giorni e contagiò 12 delle 15 persone presenti. 
  3. Nel caso dei test RT-PCR, i risultati dei test arrivano con un certo ritardo. Questo può essere di 1-3 giorni, ma anche 5-7 giorni se molte persone fanno il test contemporaneamente, il che può accadere se tutti decidono di fare il test prima di Natale o di Capodanno. Tenete presente che il risultato del test ci dice lo stato (positivo o negativo) del giorno in cui abbiamo fatto il test e non del giorno in cui abbiamo ottenuto il risultato. Ad esempio, un test fatto mercoledì, il cui risultato è ottenuto il venerdì, ci indica lo stato ci mercoledì, ma non lo stato di venerdì.

Se il vostro risultato è positivo, è quasi certo che abbiate il COVID perché in genere i test sono molto specifici, ovvero poche persone risultano positive se in realtà non sono infettate dal coronavirus (i paesi non vogliono gonfiare il loro numero di casi positivi con test non specifici). Vedere anche la domanda Falsi positivi, falsi negativi, sensibilità, specificità dei test COVID: cosa significa?(https://www.adioscorona.org/questions-reponses/2020-12-04-test-covid -sensibilità-specificità-falso-negativo-falso-negativo-verità-positivo-affidabilità.html)

In caso di risultato positivo:

Se il vostro test è negativo, ma pensate di poter essere contagiosi, ad esempio perché la riunione familiare avviene a più di un giorno di distanza dal prelievo, consigliamo:

In conclusione, i test non sono perfetti. Il modo migliore per prevenire la diffusione del virus è evitare il più possibile le situazioni potenzialmente contagiose nelle 1-2 settimane prima e dopo la riunione familiare. È anche importante ridurre il numero di ospiti e non vedere più gruppi contemporaneamente (sia i parenti materni che quelli paterni, per esempio).


facebook twitter linkedin

Fonti

L'analisi di un'epidemia mostra che le grandi riunioni familiari possono essere eventi in cui la trasmissione del coronavirus SARS-CoV-2 è importante.

Ghinai, I., Woods, S., Ritger, K. A., McPherson, T. D., Black, S. R., Sparrow, L., ... & Arwady, M. A. (2020). Community transmission of SARS-CoV-2 at two family gatherings—Chicago, Illinois, February–March 2020.

Più persone della stessa famiglia sono state contaminate a seguito di due cene di famiglia.

Ye, F., Xu, S., Rong, Z., Xu, R., Liu, X., Deng, P., ... & Xu, X. (2020). Delivery of infection from asymptomatic carriers of COVID-19 in a familial cluster. International Journal of Infectious Diseases.

Articolo che discute l'effetto delle riunioni del Ringraziamento del 2020 sul numero di casi COVID-19 negli Stati Uniti.

Aldhous, P. (2020). Gli Stati Uniti non hanno visto un ulteriore importante COVID-19 Surge del Ringraziamento. Il Natale sarà una sfida più grande. BuzzFeed. 19 dicembre 2020. Ultimo accesso il 21 dicembre 2020.

Alla fine di settembre 2020 in Francia l'Haute Autorité de la Santé ha espresso un parere favorevole all'uso di test antigenici su tamponi nasofaringei per persone che presentano sintomi di COVID-19 (febbre, tosse secca, perdita dell'odorato o del gusto...) se i test hanno sensibilità minima superiore all'80% e specificità minima superiore al 99%.

Opinione dell'Haute Autorité de la Santé del 9 ottobre 2020.

Sono stati riportati alcuni test RT-PCR falsi positivi. Sono legate a frequenti contaminazioni con un amplicone contenente il virus.

Wernike, K., Keller, M., Conraths, F. J., Mettenleiter, T. C., Groschup, M. H., & Beer, M. (2020). Trappole in SARS-CoV-2 Diagnostica PCR. bioRxiv.

Test giornalieri RT-qPCR sono stati condotti su molti individui durante la stagione 2019-20 National Basketball Association (NBA). Il carico virale è stato misurato ogni giorno in 46 persone che hanno sviluppato il COVID-19 durante l'incontro sportivo. Le persone negative un giorno si sono rivelate positive il giorno dopo.

Kissler, S. M. S., Fauver, J. R., Mack, C., Olesen, S. W., Tai, C., Shiue, K. Y., ... & Wohlgemuth, J. (2020). SARS-CoV-2 dinamiche virali nelle infezioni acute. medRxiv.

Una tredicenne ha fatto un test dell'antigene prima di rivedere i suoi genitori e il test è risultato negativo. Il giorno dopo aveva il naso bloccato e decise comunque di partecipare a una riunione di famiglia di 15 persone che durò diversi giorni e contagiò 12 persone. Altri sei ospiti sono venuti alla riunione di famiglia per diverse ore senza maschere ma sono rimasti fuori, non hanno sviluppato alcun sintomo e i 4 che in seguito sono risultati negativi.

Schwartz, N. G., Moorman, A. C., Makaretz, A., Chang, K. T., Chu, V. T., Szablewski, C. M., ... & Drobeniuc, J. (2020). Adolescente con COVID-19 come fonte di un'esplosione in un incontro familiare di 3 settimane negli Stati Uniti, giugno-luglio 2020. Rapporto settimanale sulla morbilità e la mortalità, 69(40), 1457.

Per saperne di più

Perché gli assembramenti sono sconsigliati durante l'epidemia di COVID-19?

Una persona che non ha sintomi può essere contagiosa?

Qual è il test di riferimento per scoprire se sono infetto da CoV-2-SARS?

Cosa testare per rilevare il COVID-19: tamponi nasofaringei o prelevamenti orali?

Quanti giorni bisogna aspettare dopo un contatto per fare un test di screening COVID ?

Falsi positivi, falsi negativi, sensibilità, specificità dei test COVID: cosa significa?

Riunione di famiglia prevista per le vacanze: come fare?

Come invitare qualcuno a cena senza rischi?