< Bambini

Perché i dati epidemiologici COVID sui bambini sono difficili da interpretare?

Testo aggiornato al 2020-10-30


I dati disponibili sul ruolo dei bambini nell'epidemia COVID-19 sono difficili da interpretare perché i bambini sono spesso asintomatici e probabilmente non hanno un ruolo importante nelle prime fasi dell'epidemia.

Studi recenti suggeriscono che i bambini sono tanto contaminanti quanto gli adulti, mentre studi più vecchi indicano che i bambini sono 2-3 volte meno contaminanti. Vedi la domanda Il ruolo dei bambini nell'epidemia COVID-19 : cosa sappiamo? Perché queste differenze? Poiché l'interpretazione dei dati epidemiologici sui bambini è difficile a causa di due fenomeni.

Inprimo luogo, l'importanza dei bambini nella diffusione del virus cambia con il tempo e il contesto. La maggior parte degli studi epidemiologici sui bambini non sono rappresentativi di situazioni in cui il virus circola attivamente nella popolazione generale e dove le scuole sono aperte. Questo perché sono stati condotti quando le scuole erano chiuse (confinamento, vacanze). Inoltre, corrispondono alla prima fase dell'epidemia COVID-19, quando il virus è stato trasportato principalmente dagli adulti, che viaggiano più dei bambini e in media interagiscono più con gli altri adulti che con i bambini. Vedi la domanda Il ruolo dei bambini nell'epidemia COVID-19 : Cosa sappiamo?

In secondo luogo, diversi fattori portano a sottovalutare il numero di bambini infetti.

In terzo luogo, il tasso di contagio dei bambini nel proprio nucleo familiare non riflette il tasso di contagio dei bambini quando vanno a scuola. Cinque studi condotti in Cina e in Israele, durante lockdown e vacanze, hanno confrontato il rischio di essere infettati dal nuovo coronavirus per i bambini e gli adulti della stessa famiglia. Questi studi hanno concluso che tra i contatti di una persona contagiosa, i bambini sono contagiati (ovvero positivi al test per SARS-CoV-2) da due a tre volte in meno rispetto agli adulti. Tuttavia, si deve tener conto del fatto che all'interno di una famiglia, gli adulti in una coppia hanno più probabilità di contagiarsi a vicenda rispetto agli altri membri della famiglia, bambini compresi, per ovvie ragioni. Solo uno di questi studi ha tenuto conto di questo fattore escludendo i coniugi. Anche in questo caso, il rischio di infezione per i bambini era inferiore rispetto agli adulti. Pertanto, al di fuori della scuola, i bambini possono avere meno probabilità degli adulti di ammalarsi di COVID. Quando i bambini vanno a scuola, le loro interazioni sociali sono più numerose, il che può aumentare il rischio di infezione.

In quarto luogo, i tassi di contagio da parte dei bambini possono essere sottovalutati. Come spiegato sopra, i casi di trasmissione del coronavirus all'interno delle famiglie possono essere erroneamente attribuiti ad un adulto quando sono partiti da un bambino. Questo porta a sottovalutare il tasso di contagio da parte dei bambini.

In conclusione, alcuni studi dimostrano che i bambini trasmettono tanto quanto gli adulti, mentre altri indicano che trasmettono 2-3 volte di meno. Tuttavia, come discusso in precedenza, il numero di bambini contaminati e contaminanti può essere sottovalutato per molte ragioni. Non c'è ancora un consenso su questo tema. D'altra parte, non c'è dubbio che i bambini possono contrarre il coronavirus SARS-CoV-2 e trasmetterlo ad altri, siano essi bambini o adulti.


facebook twitter linkedin

Fonti

Raccomandazioni dell'Istituto Norvegese di Sanità Pubblica che indicano che gli adulti hanno la priorità per i test rispetto ai bambini.

Norvegian Institute of Public Health. Test criteria for coronavirus. Updated 23.09.2020.

Studio di campioni di sangue provenienti da ambulatori in Svezia, dove la maggior parte delle scuole è rimasta aperta. La sieroprevalenza (presenza di anticorpi che indicano un'infezione passata da COVID-19 ) dei giovani di età compresa tra 0 e 19 anni è aumentata da aprile ai primi di giugno 2020 per raggiungere valori simili a quelli degli adulti di età compresa tra 20 e 64 anni a metà giugno 2020 (6,8% contro il 6,4%). La sieroprevalenza è rimasta più bassa per le persone oltre i 65 anni (1,5%), che erano più isolate delle altre.

Public Health Agency of Sweden. Påvisning av antikroppar efter genomgången covid‐19 i blodprov från öppenvården (delrapport 1).

Studio israeliano estremamente dettagliato sui bambini tra gennaio e settembre 2020, prima e dopo la riapertura delle scuole. 677'982 test RT-qPCR sono stati condotti su bambini in Israele tra il 27 gennaio e il 24 settembre 2020. Di questi, l'8% (55.288) è stato positivo. A titolo di confronto, 157.229 su 2.548.273 (6%) sono risultati positivi negli adulti. L'indagine sierologica nazionale condotta dal Ministero della Salute ha rilevato un tasso positivo nei bambini del 7% rispetto al 2-5% nelle fasce d'età adulte. Si stima che circa il 50-70% dei bambini infettati dal SARS-CoV-2 siano asintomatici. L'apertura delle scuole è associata ad un aumento del tasso di bambini positivi e la loro chiusura con una diminuzione. Escluse le trasmissioni causate da adulti, i bambini tendono ad essere infettati da altri bambini della loro stessa fascia d'età. 7 bambini hanno infettato 10 persone ciascuno, 3 hanno infettato 12 persone ciascuno e un bambino ha infettato 24 persone.

Israel, Ministry of Health, COVID-19 Report, 18 October 2020.

In uno studio di sieroprevalenza su più di 61.000 persone in Spagna tra aprile e maggio 2020, il 3,4% dei bambini e degli adolescenti presentava anticorpi contro SARS-CoV-2 secondo un test "point-of-care", rispetto al 4,4%-6,0% degli adulti. In un sottoinsieme di quasi 52.000 persone che si erano sottoposte a un test immunologico, il divario si è ridotto al 3,8% rispetto al 4,5% al 5,0%. Questo studio è stato condotto mentre le scuole in Spagna erano chiuse dal marzo 2020. I bambini avevano quindi meno interazione sociale rispetto a quando andavano a scuola.

Pollán, M., Pérez-Gómez, B., Pastor-Barriuso, R., Oteo, J., Hernán, M. A., Pérez-Olmeda, M., ... & Molina, M. (2020). Prevalence of SARS-CoV-2 in Spain (ENE-COVID): a nationwide, population-based seroepidemiological study. The Lancet, 396(10250), 535-544.

Analisi di 637 famiglie a Bnei Brak in Israele, di cui almeno un membro è risultato positivo al coronavirus SARS-CoV-2 tramite PCR, e tutti gli altri membri sono stati successivamente sottoposti a test. I bambini sono infetti la metà degli adulti (risultati positivi al test su SARS-CoV-2). L'analisi congiunta della PCR e dei dati sierologici mostra che il test PCR non rileva tutte le infezioni (perché non al momento giusto) e che la sottovalutazione è maggiore nei bambini. Tuttavia, le differenze nei tassi di rilevamento non sono sufficienti a spiegare le differenze nei tassi di positività della PCR nelle due fasce d'età.

Dattner, I., Goldberg, Y., Katriel, G., Yaari, R., Gal, N., Miron, Y., ... & Huppert, A. (2020). Il ruolo dei bambini nella diffusione di COVID-19Utilizzando i dati domestici di Bnei Brak, Israele, per stimare la suscettibilità relativa e l'infettività dei bambini. medRxiv.

Bell'articolo di recensione del 28 luglio 2020 sulla trasmissione del coronavirus da parte dei bambini. Questo articolo riassume in una tabella tutti gli studi che mettono a confronto i tassi di contaminazione di bambini e adulti nelle case famiglia. Questi studi dimostrano che tra i casi di contatto della persona contagiosa, i bambini sono da due a tre volte meno infetti (risultati positivi al test su SARS-CoV-2) rispetto agli adulti. Gli autori ritengono che il confronto dei tassi di attacco tra gruppi di età all'interno dei bambini non sia di parte. Ma c'è lo stesso rischio di sottovalutazione: i bambini più piccoli hanno meno sintomi dei più grandi, il che porta a una minore identificazione come casi indice rispetto ai bambini più grandi.

Goldstein, E., Lipsitch, M., & Cevik, M. (2020). Sull'effetto dell'età sulla trasmissione di SARS-CoV-2 nelle famiglie, nelle scuole e nella comunità. medRxiv.

Analisi di 105 pazienti e dei loro 392 casi di contatto interni alla famiglia. Il tasso di attacco secondario nei bambini è del 4% rispetto al 17% degli adulti. Il tasso di attacco secondario nel nucleo familiare per i contatti dei pazienti in autoisolamento dall'insorgenza dei sintomi è dello 0%. Il tasso di attacco secondario per i contatti che sono coniugi dei pazienti esaminati è del 28% contro il 17% per gli altri membri adulti della famiglia.

Li, W., Zhang, B., Lu, J., Liu, S., Chang, Z., Cao, P., ... & Chen, J. (2020). The characteristics of household transmission of COVID-19. Clinical Infectious Diseases.

Analisi di 2812 casi di indice e dei loro 6690 casi di contatto nella provincia di Trento in Italia nel periodo marzo-aprile 2020, in un periodo di chiusura delle scuole. I contatti dei 14 bambini di età inferiore ai 15 anni inclusi in questo studio sono risultati più probabili di quelli degli adulti (tasso di attacco del 22,4% rispetto al 10,6-17,1%).

Fateh-Moghadam P, Battisti L, Molinaro S, et al. Rintracciamento dei contatti durante la fase I della pandemia COVID-19 in provincia di Trento, Italia: risultati chiave e raccomandazioni [preprint]. medRxiv 2020; https://doi.org/10.1101/2020.07.16.20127357

Per saperne di più

Il ruolo dei bambini nell'epidemia COVID-19 : cosa sappiamo?

I bambini possono essere infettati dal coronavirus SARS-CoV-2?

Mio figlio può trasmettere il COVID-19?

A partire da quale età i bambini devono portare a scuola un mascherina a seconda del paese?

Quali sono i sintomi del COVID-19 nei bambini?

Cosa considerare per il ritorno a scuola?

Quali sono i punti chiave per comprendere le dinamiche dell'epidemia di COVID?