< Malattia

La gestione dei pazienti con COVID-19 è migliorata?

Testo aggiornato al 2020-11-16


Sì, tra marzo 2020 e giugno 2020, l'assistenza alle persone con COVID-19 negli ospedali è migliorata molto.

Negli ospedali di diversi paesi (Belgio, Stati Uniti, Francia, Italia, Regno Unito e Svizzera), è stato osservato che la percentuale di pazienti ricoverati per COVID-19 che sono morti (il tasso di mortalità in ospedale dei pazienti COVID-19) è diminuito tra marzo 2020 e giugno 2020.

Ci sono diverse ragioni per questa buona notizia:


facebook twitter linkedin

Fonti

A Milano, il tasso di mortalità ospedaliera è sceso dal 24% del marzo 2020 al 2% del maggio 2020. Anche la percentuale di pazienti ricoverati che hanno dovuto essere ricoverati in terapia intensiva è diminuita.

Ciceri, F., Ruggeri, A., Lembo, R., Puglisi, R., Landoni, G., Zangrillo, A., & COVID-BioB Study Group. (2020). Decreased in-hospital mortality in patients with COVID-19 pneumonia. Pathogens and Global Health, 1-2.

Nel Regno Unito, il tasso di mortalità ospedaliera è sceso dal 6% nell'aprile 2020 all'1,5% nel giugno 2020.

June 2020 Report of the Centre for Evidence-Based Medicine, UK.

Uno studio su 16'749 persone con COVID-19 e ricoverate in ospedale nel Regno Unito tra febbraio e aprile 2020 ha calcolato un tasso di mortalità ospedaliera del 33%.

Docherty, A. B., Harrison, E. M., Green, C. A., Hardwick, H. E., Pius, R., Norman, L., ... & Merson, L. (2020). Features of 16,749 hospitalised UK patients with COVID-19 using the ISARIC WHO Clinical Characterisation Protocol. medRxiv.

L'analisi di 5700 pazienti ricoverati per COVID-19 nell'area di New York tra marzo 2020 e inizio aprile 2020 ha rivelato un tasso di mortalità ospedaliera del 21%.

Richardson, S., Hirsch, J. S., Narasimhan, M., Crawford, J. M., McGinn, T., Davidson, K. W., ... & Cookingham, J. (2020). Presenting characteristics, comorbidities, and outcomes among 5700 patients hospitalized with COVID-19 in the New York City area. Jama.

Studio clinico RECOVERY condotto nel Regno Unito su 6324 pazienti con COVID-19. Follow-up clinico di 2104 pazienti che sono stati trattati con corticosteroidi per 10 giorni rispetto ai 4321 pazienti che hanno ricevuto una gestione terapeutica convenzionale. Il trattamento con corticosteroidi riduce la mortalità del 35% nei pazienti con forme gravi della COVID-19 che richiedevano una ventilazione meccanica invasiva.

Singh, A. K., Majumdar, S., Singh, R., & Misra, A. (2020). Role of corticosteroid in the management of COVID-19: A systemic review and a Clinician’s perspective. Diabetes & Metabolic Syndrome: Clinical Research & Reviews, 14(5), 971-978.

In questa meta-analisi prospettica di 7 studi randomizzati, che considera 1703 pazienti di cui 647 deceduti, la mortalità a 28 giorni è stata inferiore nei pazienti che hanno ricevuto corticosteroidi rispetto a quelli che hanno ricevuto le cure abituali o il placebo.

Sterne, J. A., Murthy, S., Diaz, J. V., Slutsky, A. S., Villar, J., Angus, D. C., ... & Dequin, P. F. (2020). Association between Administration of Systemic Corticosteroids and Mortality among critically ill patients with COVID-19: a meta-analysis. Jama.

Questo studio in pazienti con COVID-19 che soffrono di gravi sintomi respiratori mostra che la ventilazione attraverso cannule nasali ad alto flusso può ridurre il tasso di intubazione, che è una tecnica di ventilazione meccanica invasiva per il paziente.

Demoule, A., Vieillard Baron, A., Darmon, M., Beurton, A., Géri, G., Voiriot, G., ... & Dres, M. (2020). High Flow Nasal Canula in Critically Ill Severe COVID-19 Patients. American journal of respiratory and critical care medicine.

Questo articolo di Nature dell'11 novembre 2020 fa il punto sui miglioramenti nella gestione dei pazienti COVID-19 in ospedale: esperienza duramente guadagnata, minor uso di ventilatori, migliore comprensione di come usare gli steroidi, interruzione di farmaci e procedure non provate, ritorno a trattamenti standard.

Ledford, H. (2020) Why do COVID death rates seem to be falling? Nature.

Rapporto su 108 unità di terapia intensiva inglesi tra marzo e giugno 2020.

Denis, J.M., McGovern, A.P., Vollmer, S.J., Mateen, B.A. (2020) Improving Survival of Critical Care Patients With Coronavirus Disease 2019 in England. A National Cohort Study, March to June 2020.

Uno studio di coorte multicentrico sugli ospedali in Francia, Belgio e Svizzera ha seguito più di 4000 pazienti ricoverati in terapia intensiva tra la fine di febbraio e l'inizio di maggio 2020. La mortalità (stimata a 90 giorni) dei pazienti in terapia intensiva è scesa costantemente dal 42 al 25% in questo periodo (Tabella S5), con un tasso medio di mortalità dei casi del 31%.

Armstrong, R. A., Kane, A. D., & Cook, T. M. (2020). Outcomes from intensive care in patients with COVID‐19: a systematic review and meta‐analysis of observational studies. Anaesthesia, 75(10), 1340-1349.

Per saperne di più

Letalità, mortalità, sovramortalità, R0, K: di cosa stiamo parlando?

Quali sono i fattori che aumentano il rischio di morire per COVID-19?

Come comportarsi quando si va a trovare una persona vulnerabile?