< Incontri

Riunione di famiglia prevista per le vacanze: come fare?

Testo aggiornato al 2020-07-19


Trascorrere una vacanza riunendo più generazioni e più nuclei familiari è possibile, ma richiede precauzioni. Il rischio di contaminazione può essere ridotto evitando di avvicinarsi, toccarsi e contagiarsi durante i pasti, i giochi, l'uso del bagno.

L'estate è un ottimo momento per riunire nonni, figli e nipoti. Quando più nuclei familiari sono riuniti, è necessario prendere precauzioni per evitare la diffusione del COVID-19. Il rischio principale è che le persone che non hanno (o non hanno ancora) sintomi possano contagiare gli altri. Ecco alcuni modi per ridurre il rischio di contagio e per aiutarvi a ritrovarvi con successo.

1. Riducete i rischi di contaminazione prima del vostro arrivo: durante le 2 settimane che precedono il ritrovo, fate particolare attenzione a non essere contagiati, evitate gli assembramenti e il contatto ravvicinato o fisico, mantenete un comportamento responsabile.

2. Se il viaggio comporta rischi di contagio (treno, aereo, nave, autobus): restare in quarantena all'arrivo.

Per essere sicuri di non trasmettere il coronavirus ai propri cari, la quarantena deve durare 14 giorni. Se nessuno mostra sintomi durante queste due settimane, tutti possono interagire in senza rischio all'interno del gruppo.

Tutti i nuovi arrivati dovrebbero rispettare la quarantena e prendere tutte le precauzioni qui descritte prima di essere inclusi nel gruppo. Chi ha contatti al di fuori del gruppo (acquisti, uscite, attività) deve prestare attenzione a non contaminarsi.

3. Se la quarantena non è possibile: seguite le seguenti precauzioni e proteggete soprattutto le persone anziane o vulnerabili.

Idealmente, camere da letto e bagni devono essere diversi per i diversi nuclei familiari, o almeno tra persone vulnerabili e non vulnerabili (vedere la domanda Come ci si comporta se si vive con una persona vulnerabile?). Assicuratevi di lavare regolarmente le mani, evitate gli abbracci e mantenete una distanza di almeno un metro tra di voi (vedere la domanda).

Fate attenzione durante la preparazione dei pasti (vedi la domanda Come organizzare un pasto a casa senza rischi per gli ospiti?). La cosa più importante è mangiare all'aperto, che le persone che cucinno rispettino rigide regole igieniche, che la tavola sia sufficientemente ampia per mantenere le distanze con le persone di fronte a noi e sufficientemente lunga per mantenere le distanze laterali.

Per i sanitari, è preferibile disinfettarli dopo ogni utilizzo. Mettete un po' di candeggina o una pastiglia di cloro nella tazza del gabinetto e chiudete il coperchio prima di tirare lo sciacquone, poi spruzzate un po' di alcol al 70% su mani, tavoletta del water e infine sul pulsante dello sciacquone. Quando uscite: ricordatevi di disinfettare con alcol le maniglie delle porte all'interno e all'esterno. Lasciare la porta del bagno spalancata per la ventilazione. Evitare di andare al bagno subito dopo un'altra persona se nonè dello stesso nucleo familiare (vedere domanda Ci si può infettare con il coronavirus SARS-CoV-2 andando in bagno?)

Se i nonni vogliono coccolare i loro figli o nipoti o viceversa, prendete in considerazione l'uso della mascherina per limitare il rischio di contagio.

4.Organizzate le notti in modo che solo le persone dello stesso nucleo familiare si trovino nella stessa stanza.

Si raccomanda cautela nelle camere condivise: è da evitare di dormire o di soggiornare a lungo in un luogo chiuso (camera o tenda) con qualcuno di un'altro nucleo familiare. Preferire camere separate. Tenere le finestre aperte quando si condivide una stanza. Prestare attenzione ai luoghi pubblici come ristoranti, ascensori, bagni in comune.

5. Preferire le attività all'aperto e senza contatto.

Attività incoraggiate: individuali; se collettive, all'aperto e senza contatto. Per i giochi con racchette, disinfettare le palle e i manici tra un giocatore e l'altro.

Attività da svolgere con attenzione: giochi di carte e giochi da tavolo. Lavarsi le mani regolarmente.

6. Nominare un responsabile dell'igiene.

Un responsabile può spiegare a tutti di controllare il proprio stato di salute: il minimo "raffreddore" o sintomo deve essere segnalato alla famiglia. Lo stesso vale se si viene a sapere che qualcuno che si è incontrato poco prima del viaggio è sospettato di COVID-19.

La persona responsabile spruzzerà regolarmente con alcol al 70%, o pulirà con una salvietta impregnata d'alcol, le maniglie delle porte, i corrimani, le maniglie di frigoriferi e macchine da caffè e altre superfici dove il virus può essere trasferito (vedi la domanda Come possiamo migliorare l'igiene dell'ambiente intorno a noi?).

Il responsabile dell'igiene incoraggerà tutti a lavarsi le mani correttamente e spesso. Verificherà anche che le stanze siano ben ventilate.

Se il gruppo è numeroso e il compito complesso, non esitate ad utilizzare uno schema come negli hotel e negli aeroporti: una riga per punto da monitorare, e una distribuzione dei compiti all'interno del gruppo in modo che il responsabile di un particolare compito (ad esempio la disinfezione) indichi la data, l'ora e le iniziali quando il compito è stato svolto.


facebook twitter linkedin

Fonti

Secondo i dati dell'ospedale di Guangzhou, in Cina, i sintomi del COVID-19 compaiono in media 5 giorni dopo l'infezione.

He, X., Lau, E. H., Wu, P., Deng, X., Wang, J., Hao, X., ... & Mo, X. (2020). Temporal dynamics in viral shedding and transmissibility of COVID-19. Nature medicine, 26(5), 672-675.

Dal momento dell'infezione ai primi sintomi, secondo i dati di Tianjin in Cina e Singapore trascorrono in media dai 4 ai 5 giorni.

Ganyani, T., Kremer, C., Chen, D., Torneri, A., Faes, C., Wallinga, J., & Hens, N. (2020). Estimating the generation interval for COVID-19 based on symptom onset data. medRxiv.

Una meta-analisi di 5 studi stima che il tempo medio di incubazione sia di 5,1 giorni.

He, W., Yi, G. Y., & Zhu, Y. (2020). Estimation of the basic reproduction number, average incubation time, asymptomatic infection rate, and case fatality rate for COVID‐19: Meta‐analysis and sensitivity analysis. Journal of Medical Virology.

In un ristorante, una persona con COVID-19 e pre-sintomatica ha contagiato almeno altre due persone, che stavano mangiando a due tavoli adiacenti a più di 2 metri di distanza. Si noti che lo spazio era chiuso e che la ventilazione deve aver contribuito alla diffusione delle particelle virali.

Lu, J., Gu, J., Li, K., Xu, C., Su, W., Lai, Z., ... & Yang, Z. (2020). COVID-19 Outbreak Associated with Air Conditioning in Restaurant, Guangzhou, China, 2020. Emerging Infectious Diseases, 26(7).

Diversi contagi di COVID-19 nel periodo gennaio-febbraio 2020 in Corea del Sud erano avvenuti a seguito di un pasto in famiglia o in un ristorante/bar.

Kong, I., Park, Y., Woo, Y., Lee, J., Cha, J., Choi, J., ... & Kim, T. (2020). Early epidemiological and clinical characteristics of 28 cases of coronavirus disease in South Korea. Osong Public Health Res Perspect, 11(1), 8-14.

Più persone della stessa famiglia sono state contaminate a seguito di due cene di famiglia.

Ye, F., Xu, S., Rong, Z., Xu, R., Liu, X., Deng, P., ... & Xu, X. (2020). Delivery of infection from asymptomatic carriers of COVID-19 in a familial cluster. International Journal of Infectious Diseases.

Diversi casi di contaminazione durante pasti in famiglia in Cina.

Liu, Y., Eggo, R. M., & Kucharski, A. J. (2020). Secondary attack rate and superspreading events for SARS-CoV-2. The Lancet, 395(10227), e47.

Uno studio epidemiologico su 105 casi di COVID-19 e i loro contatti stretti in Cina ha rivelato che la trasmissione secondaria del coronavirus SARS-CoV-2 si è verificata in 64 dei 392 contatti all'interno del nucelo familiare (16,3%). Il tasso di attacco secondario nei bambini è stato del 4% rispetto al 17,1% degli adulti. Il tasso di attacco secondario tra i contatti domestici con pazienti di riferimento in auto-isolamento dall'insorgenza dei sintomi è stato dello 0%, rispetto al 16,9% tra i contatti senza pazienti di riferimento in isolamento. Il tasso di attacco secondario per i coniugi che erano entrati in stretto contatto con i pazienti analizzati è stato del 27,8%, contro il 17,3% per gli altri membri adulti del nucleo familiare.

Li, W., Zhang, B., Lu, J., Liu, S., Chang, Z., Cao, P., ... & Chen, J. (2020). The characteristics of household transmission of COVID-19. Clinical Infectious Diseases.

A Shenzhen, secondo uno studio epidemiologico su 391 casi di COVID-19, la percentuale di contatti domestici (quelli che condividevano una stanza, un appartamento o un altro tipo di abitazione) che sono stati successivamente confermati come infetti dal coronavirus SARS-CoV-2 è stata stimata al 15%.

Bi, Q., Wu, Y., Mei, S., Ye, C., Zou, X., Zhang, Z., Liu, X., Wei, L., Truelove, S. A., Zhang, T., Gao, W., Cheng, C., Tang, X., Wu, X., Wu, Y., Sun, B., Huang, S., Sun, Y., Zhang, J., Ma, T., … Feng, T. (2020). Epidemiology and transmission of COVID-19 in 391 cases and 1286 of their close contacts in Shenzhen, China: a retrospective cohort study. The Lancet. Infectious diseases, S1473-3099(20)30287-5.

L'analisi dei contatti ravvicinati di persone con COVID-19 rivela un tasso di contaminazione di circa il 30% all'interno del nucleo familiare all'inizio dell'epidemia di Wuhan.

Wang Z, Ma W, Zheng X, Wu G, Zhang R (2020). Household transmission of SARS-CoV-2. J Infect. 81:179-182.

Per saperne di più

Come invitare qualcuno a cena senza rischi?

Come ci si comporta se si vive con una persona vulnerabile?

Perché dobbiamo stare attenti se viviamo con una persona vulnerabile?

Devo indossare una mascherina se non ho sintomi?

Come valutare i rischi nella vita quotidiana?

Devo indossare un mascherina "dentro-fuori" ?