< Propagazione

La trasmissione del coronavirus SARS-CoV-2 può essere fermata senza un lockdown totale mediante mini-cicli di isolamento?

Testo aggiornato al 2020-07-13


Per evitare un lockdown totale, una strategia sarebbe quella di uscire, lavorare e vivere in società per 4 giorni e poi rimanere in quarantena e lavorare da casa per 10 giorni. Questa strategia si basa sul fatto che il picco di contagio per la maggior parte dei pazienti inizia 3-4 giorni dopo l'infezione e dura 4-5 giorni. I ricercatori hanno valutato questa strategia e concludono che è efficace quanto un lockdown totale nel minimizzare il rischio di contagio.

Per limitare la diffusione dell'epidemia di COVID-19, la maggior parte dei paesi hanno utilizzato periodi di lockdown, costringendo la popolazione a restare a casa o in un luogo specifico. Questa strategia ha limitato la diffusione del coronavirus riducendo il numero medio di riproduzione (R) del CoV-2-SARS, ovvero il numero medio di persone contagiate da una persona portatrice del coronavirus. Quando R scende sotto 1, significa che in media un portatore contagia meno di una persona; questa situazione porterebbe alla progressiva scomparsa dell'epidemia.

Il lockdown non può durare più di qualche mese a causa delle sue ripercussioni psicologiche e socioeconomiche. Dopo la riapertura, dei focolai di contagio possono ricomparire e R può aumentare in alcune aree. Oggi, la nostra conoscenza del COVID-19 ci permette di considerare soluzioni alternative per ridurre la trasmissione del coronavirus SARS-CoV-2 evitando un lockdown totale.

La particolarità del coronavirus SARS-CoV-2 è che i portatori sono contagiosi prima dell'insorgenza dei sintomi del COVID-19. In base alle caratteristiche temporali del periodo di incubazione e di contagio, si possono pensare dei mini-cicli di lockdown: 4 giorni senza, poi 10 giorni di lockdown per limitare la possibilità che una persona ne contagi altre.

I cicli "4 giorni fuori - 10 giorni dentro" impediscono alle persone contagiate durante i 4 giorni senza lockdown di diffondere la malattia, poiché saranno isolate durante il periodo contagioso.

Uno studio stima che questa strategia "4 giorni fuori - 10 giorni dentro" sia efficace quanto il lockdown totale: riducendo del 70% i contatti tra le persone, il numero di riproduzione R scende al di sotto di 1. Questo studio non ha analizzato l'effetto di cicli di confinamento più brevi.

Un vantaggio di questo approccio è quello di salvaguardare il 40% dell'economia, ma anche di permettere una vita sociale e di evitare i problemi cognitivi e psicologici indotti dall'isolamento del lockdown totale. L'utilizzo dei turni di lavoro - con due turni di 4 giorni in settimane alterne - permetterebbe la continuità dell'attività economica, senza diminuire l'efficacia della strategia.

Questa strategia di contenimento dell'epidemia si basa sui risultati di un modello con numerosi parametri, che si basa sulle seguenti assunzioni:

Il lockdown totale può avere gravi conseguenze economiche, sociali e psicologiche a lungo termine. Per continuare a lottare efficacemente contro la diffusione della malattia, la strategia di alternare cicli di 4 giorni all'esterno e 10 giorni di lockdown è un'alternativa promettente. Anche se questa strategia non viene attuata su larga scala, anche la sua applicazione sul piano individuale è efficace in quanto riduce almeno la probabilità di un singolo di contagiare gli altri. Naturalmente, non fatelo se siete vulnerabili, perché questa strategia non vi protegge dal contagio: rimanete vigili!


facebook twitter linkedin

Fonti

Modello di stima della crescita epidemica secondo le diverse applicazioni della strategia "4 giorni fuori e 10 giorni dentro". Il numero di contatti tra le persone si riduce del 70%, consentendo di mantenere un numero di riproduzione R inferiore a 1.

Karin, O., Bar-On, Y. M., Milo, T., Katzir, I., Mayo, A., Korem, Y., ... & Milo, R. (2020). Adaptive cyclic exit strategies from lockdown to suppress COVID-19 and allow economic activity. medRxiv.

Il periodo contagioso inizia 2,3 giorni prima dell'insorgenza dei sintomi, i quali iniziano in media 5 giorni dopo l'infezione. Ciò implica un periodo di latenza di 2,7 giorni.

He, X., Lau, E. H., Wu, P., Deng, X., Wang, J., Hao, X., ... & Mo, X. (2020). Temporal dynamics in viral shedding and transmissibility of COVID-19. Nature medicine, 26(5), 672-675.

Un modello stima un periodo di latenza di 3,7 giorni per l'infezione da coronavirus SARS-CoV-2.

Li, R., Pei, S., Chen, B., Song, Y., Zhang, T., Yang, W., & Shaman, J. (2020). Substantial undocumented infection facilitates the rapid dissemination of novel coronavirus (SARS-CoV-2). Science, 368(6490), 489-493.

È stato osservato che i pazienti cominciano ad isolarsi in media 2,9 giorni dopo l'insorgenza dei primi sintomi. Anche se i pazienti rimangono contagiosi quando sono isolati, in pratica non contagiano nessuno. Pertanto, si stima che il periodo infettivo, dal momento in cui diventano contagiosi, si in totale 4,9 giorni (da circa 2 giorni prima dell'insorgenza dei sintomi, fino all'isolamento, e poi 2,9 giorni dopo l'insorgenza dei sintomi)

Liu, T., Hu, J., Kang, M., Lin, L., Zhong, H., Xiao, J., ... & Deng, A. (2020). Transmission dynamics of 2019 novel coronavirus (2019-nCoV).

In questo studio, è stato osservato che i pazienti si mettono in autoisolamento in media 4,6 giorni dopo l'insorgenza dei primi sintomi. Ciò comporta un periodo di 6,6 giorni di rischio di contagioin cui rischiano di contagiare qualcuno, consideranto 2 giorni di contagiosità pre-sintomatica.

Bi, Q., Wu, Y., Mei, S., Ye, C., Zou, X., Zhang, Z., ... & Gao, W. (2020). Epidemiology and transmission of COVID-19 in 391 cases and 1286 of their close contacts in Shenzhen, China: a retrospective cohort study. The Lancet Infectious Diseases.

L'analisi dei modelli mostra che una strategia "4 giorni fuori e 8 giorni dentro" è efficace per fermare la diffusione dell'epidemia di SARS-CoV-2.

Cornes, F. E., Frank, G. A., & Dorso, C. O. (2020). Cyclical lock-down and the economic activity along the pandemic of COVID-19. arXiv preprint arXiv:2006.06409.

Una meta-analisi (di 13 studi in Cina) stima R0 tra 2,8 (mediana) e 3,3 (media).

Liu, Y., Gayle, A. A., Wilder-Smith, A., & Rocklöv, J. (2020). The reproductive number of COVID-19 is higher compared to SARS coronavirus. Journal of travel medicine.

Un'analisi dei contatti tra le persone è compatibile con una diminuzione del contagio dell'85-90% dopo il lockdown.

Zhang, J., Litvinova, M., Liang, Y., Wang, Y., Wang, W., Zhao, S., ... & Ajelli, M. (2020). Changes in contact patterns shape the dynamics of the COVID-19 outbreak in China. Science.

Un'analisi econometrica stima che le politiche di lockdown riducono il tasso di contagio (ovvero R) dell'82%.

Hsiang, S., Allen, D., Annan-Phan, S., Bell, K., Bolliger, I., Chong, T., ... & Lau, P. (2020). The effect of large-scale anti-contagion policies on the COVID-19 pandemic. Nature, 1-9.

Sulla base di 181 casi in Cina, si osserva che nel 90% dei casi l'insorgenza dei sintomi si verifica nei 10 giorni che seguono l'infezione. Dopo l'insorgenza dei sintomi, i pazienti possono in teoria isolarsi per evitare di contagiare gli altri.

Lauer, S. A., Grantz, K. H., Bi, Q., Jones, F. K., Zheng, Q., Meredith, H. R., ... & Lessler, J. (2020). The incubation period of coronavirus disease 2019 (COVID-19) from publicly reported confirmed cases: estimation and application. Annals of internal medicine, 172(9), 577-582.

Per saperne di più

Quali sono gli effetti fisici del confinamento e del distanziamento sociale?

Come affrontare meglio il confinamento e la pandemia di COVID-19?

Possiamo prevedere l'evoluzione dell'epidemia di COVID-19?

Cosa posso fare per aiutare a fermare l'epidemia di COVID-19?