< Virus

Per quanto tempo il coronavirus rimane infettivo?

Testo aggiornato al 20-05-2020


Non lo sappiamo con esattezza, e dipende dalla superficie.

Stabilità del coronavirus: l'RNA del coronavirus SARS-CoV-2 rimane su varie superfici (soprattutto plastica, metallo e mascherine) per diversi giorni, talvolta anche una settimana dopo il contatto. Tuttavia, la probabilità che queste particelle virali possano contagiare una persona non è stata verificata. Al momento, è quindi difficile stabilire per quanto tempo il virus resti infettivo sulle varie superfici. La maggior parte degli studi scientifici finora ha semplicemente misurato la presenza di RNA virale intatto, non la sua virulenza effettiva. I dati disponibili su quanto a lungo il virus può essere individuato su una superficie possono dare un'idea della durata massima della sua infettività.

Virulenza: Mentre è contagiosa, una persona infetta tocca certe superfici (maniglie delle porte, pulsanti della macchinetta del caffè e degli ascensori, carrello della spesa, barre di sostegno nei mezzi pubblici...) che saranno a loro volta toccate da decine di altre persone. Il numero di persone contagiate da una singola persona infetta varia notevolmente da persona a persona e aumenta con la densità della popolazione. È stato stimato che una persona contagiosa infetta solitamente da 2 a 6 persone. Non tutti quelli che toccano le superfici contaminate vengono contagiati, soprattutto se seguono rigorosamente le norme igieniche.

Stabilità del coronavirus misurata in laboratorio o in ospedale a partire da quantità ingenti di virus :

carta/cartone ~ 24h

rame ~ 4h

cotone ~ 1 giorno

acciaio ~ 4 giorni

plastica ~ 3-7 giorni, a seconda dello studio

vetro ~ 5 giorni

mascherina ~ 7 giorni

Dopo 5 minuti d'immersione nella candeggina, nell'alcol al 70%, o nel sapone, il virus diventa inattivo.

Attenzione: questi valori guida sono indicati a temperatura ambiente e in un ambiente chiuso - possono variare in altre condizioni di temperatura, illuminazione e umidità.

In particolare, nelle condizioni del solstizio d'estate nelle regioni temperate, l'illuminazione solare ha un significativo effetto di inattivazione del virus sui materiali non porosi. Un'ora di esposizione del SARS-CoV-2 sospeso nella saliva essiccata è sufficiente per inattivare le particelle del virus.


facebook twitter linkedin

Fonti

Misurazioni della stabilità del virus in diverse condizioni ambientali.

Chin, A., Chu, J., Perera, M., Hui, K., Yen, H. L., Chan, M., ... & Poon, L. (2020). Stability of SARS-CoV-2 in different environmental conditions.

Stabilità e metodi di inattivazione dei coronavirus.

Kampf et al., J Hosp Infect. 2020 Mar 104(3):246-251. Persistence of coronaviruses on inanimate surfaces and their inactivation with biocidal agents.

I virus responsabili di COVID-19 e della SARS persistono in modo simile su diverse superfici.

Van Doremalen et al., N Engl J Med 2020; 382:1564-1567. Aerosol and Surface Stability of SARS-CoV-2 as Compared with SARS-CoV-1.

Misure di stabilità di SARS-CoV-1.

Duan, S. M., Zhao, X. S., Wen, R. F., Huang, J. J., Pi, G. H., Zhang, S. X., ... & Dong, X. P. (2003). Stability of SARS coronavirus in human specimens and environment and its sensitivity to heating and UV irradiation. Biomedical and environmental sciences: BES, 16(3), 246-255.

Sintesi delle informazioni disponibili su SARS-CoV-2, fine marzo 2020.

Bar-On, Y. M., Flamholz, A., Phillips, R., & Milo, R. (2020). SARS-CoV-2 (COVID-19) by the numbers. Elife, 9, e57309.

Uno studio dimostra che la luce solare simulata disattiva rapidamente il coronavirus SARS-CoV-2 sospeso nella saliva o in un terreno di coltura cellulare e poi essiccato su acciaio inossidabile. Se esposto ai raggi UV di tipo B, corrispondenti alla luce del sole ad una latitudine di 40°N a livello del mare nelle giornate limpide, il 90% del virus infettivo è inattivato dopo 7 minuti di saliva nelle condizioni del solstizio d'estate e dopo 14 minuti in quelle del solstizio d'inverno. Questi dati indicano che la luce naturale del sole può essere efficace come disinfettante per materiali non porosi contaminati.

Ratnesar-Shumate, S., Williams, G., Green, B., Krause, M., Holland, B., Wood, S., . . . Dabisch, P. (2020). Simulated Sunlight Rapidly Inactivates SARS-CoV-2 on Surfaces. The Journal of Infectious Diseases.

Per saperne di più

Una persona che non ha sintomi può essere contagiosa?